Di anno... in anno

 

Che la tempesta umana non cancelli le orme di chi sognò, progettò e costruì un PONTE il cui percorso, già collaudato ed illuminato dalla speranza, ci riconduce alle porte dei sani ricordi e all'ingresso dell'amore e della fratellanza.

 

Mity Giovannetti Pagnanelli, 2013

 

  • 1
  • 2
  • 3

Da “Il Ponte” – Maggio 1997

 

Un ponte lungo dieci edizioni

Parlare alla gente è un obiettivo fondamentale per una associazione come la nostra. Noi operiamo tra la gente, e con la gente abbiamo fatto e faremo manifestazioni e mostre, concerti e presepi, feste e spettacoli. Abbiamo avuto la necessità di comunicare i nostri messaggi e lo abbiamo fatto, a seconda dei momenti, con manifesti e volantini, discorsi e assemblee, ma quello che è rimasto nel tempo è questo “PONTE”.

Ogni anno, immancabilmente, questa piccola rivista mette in piazza i nostri programmi e i nostri sogni, i desideri ed i problemi della nostra gente. Sappiamo che la forma scritta non gode in questo momento del favore dei più; oggi si parla per immagini. La televisione con l’immagine visiva, e la voce della radio hanno ormai abituato il gusto della gente, secondo forme impensabili fino a pochissimi anni orsono. Ma noi sappiamo che non è solo questione di forma del messaggio, ma anche sostanza e contenuto. Ed ai contenuti noi stiamo attenti, in questa rivista, con tematiche care ai nostri concittadini, occupandoci di storia e di problemi territoriali, dando voce alle manifestazioni culturali prodotte da noi e da altre associazioni, caricando questa pubblicazione di significati che vanno al di la della sua grandezza.

Sono dieci volte che arriviamo a pubblicarlo, e se rivediamo le precedenti pubblicazioni possiamo ricostruire (ecco l’importanza dello scritto) pezzi di storia locale recente e remota, che altrimenti sarebbero andati persi in una miriade di altre pubblicazioni. Siamo fieri di essere qui testimoni fedeli della nostra gente e del nostro tempo, con questo ponte gettato fra noi e la gente, fra il nostro tempo e quello passato, in una continuità ideale che vorremmo fosse eterna.

L’Officina della Cultura

Il Ponte - numero unico del 1991