Le nozze di Cana

Mario Capozzella

 Le nozze di Cana - Mario Capozzella

 

1996

Bassorilievo di terracotta policroma 200 x 300 in 96 formelle.

Facciata edificio privato su via Carnello

 

   Il bassorilievo in ceramica colorata dell'artista Mario Capozzella,collocato sulla parete di una casa lungo la via principale di Carnello, rappresenta il miracolo delle nozze di Cana. E' una sintesi di risultati creativi che l'autore ha incontrato lungo il suo cammino verso la sorgente del pensiero immerso nell'acqua limpida della dimensione "VITA" da cui si è sublimato in una dimensione nuova, tesa verso la luce dell'anima.

   Queste forze di tensioni tra le due dimensioni del visibile e dell'invisibile, che ogni artista porta dentro, è il fondersi delle varie prospettive sensitive in una nuova prospettiva unificante senza la linea dell'orizzonte.... la prospettiva dell'Amore.... che si presenta proprio in questo inizio della vita pubblica di Gesù con il primo miracolo della trasformazione dell'acqua in vino; essa è radicata già dal primo gesto che ogni essere compie dall'inizio del suo vivere fino ai nostri giorni proiettati verso il non conoscibile di future dimensioni.

   Osservando il pannello si vedono fondersi alcune figure e il gesto di profonda dolcezza del figlio verso la madre che annullano sia la staticità della carezza che tutta la dinamicità evolvente della composizione, proiettando l'osservatore nel profondo senso del non conoscibile dove la dimensione è misurata solo con la ... prospettiva dell'Amore.

 

Vincenzo Bianchi

 

 

 

Mario Capozzella nasce a Castrocielo il 18 aprile 1950 , docente di "Arte" espone in "personali" e "collettive" fin dal 1970. Ciò che affascina nella pittura di Mario Capozzella è il colore: così tenue, morbido, leggero, evanescente Le nozze di Cana - Mario Capozzellaeppure vistoso, abilmente inserito in una soffusa, delicata armonia delle linee, delle forme, dei volumi, con la quale il soggetto si evidenzia e si presta a essere osservato. Tra le più importanti "esperienze artistiche" annovera:

1975 viene inserito nel catalogo U.N.E.D.I. (Artisti del Lazio);

1988 realizza alcune serigrafie per il Museo di Senigallia (An);

1988 espone con una personale a "Roma Capitale" ? Cinecittà Due (Roma);

1989 espone con una personale a "TEVERE EXPO" - Roma;

1995 espone a "ROMARTE" - Roma;

1999 espone in una collettiva a Tokyo;

1999 effettua lavori di serigrafia in occasione del congresso Nazionale dell'U.N.M.S.;

1999 espone in collettiva a Firenze;

200l espone con una personale al Museo Civico di Sora (Fr).