Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Stampa

Anna Casinelli

  

ANNA CASINELLI, da tutti conosciuta come ANNITA (Isola del Liri, 24/11/1913) trascorse la sua infanzia a Carnello. Negli anni 1928 e 1929 frequentò come apprendista una sarta molto apprezzata, il cui laboratorio (piuttosto “domestico”) era situato ad Isola del Liri in Via Giardini Silvestri (nei pressi della chiesa di San Giuseppe). Vi si recava quasi tutti i giorni, scoprendo a poco a poco quanto questo mestiere le piacesse. Decise quindi di
approfondire, e su indicazione di sua zia Adelina, che viveva a Roma, frequentò un corso di taglio della durata di quattro mesi presso un atelier della Sarta Anna Casinelli - Carnellocapitale, in Via Cavour. Alla fine del corso conseguì con successo un vero e proprio diploma, tanto che la sua insegnante la invitò a recarsi nel Nord Italia, dove le veniva offerta l’opportunità di lavorare per un’importante casa di moda. I genitori di Annita però si opposero a questa iniziativa (siamo nel 1930!).

Tornata nel suo paese Annita, ormai sarta esperta e con diploma conseguito nella Capitale, organizza a sua volta dei corsi: uno a Borgonuovo, nei pressi della fabbrica “Cartiere Meridionali” nel locale concesso dalla signora Emma Gallone; un altro nel centro di Isola del Liri, presso le suore di Carità in Via Napoli ed infine uno a Carnello, presso la propria abitazione, dove fino a qualche anno fa ha vissuto suo fratello Augusto.


Ed è proprio nella sua abitazione che Annita inizia a fare la sarta di professione, lavorando per numerosissime clienti, tra le quali anche signore facoltose, mogli degli imprenditori delle industrie di carta sorte nel secolo precedente a Carnello e Isola del Liri.


Tante ragazze di Carnello ebbero il privilegio di imparare da Annita il mestiere di sarta e lo stile casto e ricercato imparato nell’atelier di Roma. Lei stessa, oggi novantanovenne, ricorda con affetto alcune delle sue allieve ormai decedute: Elisa Petitti, Ida Petitti, Olga Struglia, Letizia Struglia e altre, con l’aiuto delle quali ha confezionato corredi per giovani spose, abiti da sposa e da cerimonia e semplici abiti per la quotidianità.

 

  • Olga Struglia

    Olga Struglia

    Richiamare alla mente i ricordi legati alle ore trascorse nelle sartorie di un tempo si è rivelato, Read More
  • Dora Salvatore

    Dora Salvatore

    Il vero inestimabile patrimonio di cui si necessitava altro non era che l’abilità manuale, la pazienza, la costante dedizione, l’entusiasmo di fronte ad una nuova creazione, ed infine un po’ Read More
  • Elisa Petitti

    Elisa Petitti

    Con maestria e scrupolosa precisione venivano eseguiti i compiti assegnati dalla sarta “titolare”. Per prima cosa si eseguiva il taglio della stoffa seguendo il profilo del modello prescelto Read More
  • Anna Bartolomucci

    Anna Bartolomucci

    Gli orli invece venivano cuciti a mano con assoluta minuziosità e precisione, cosicché non si vedesse alcun punto sul “diritto” del capo. Read More
  • Anna Casinelli

    Anna Casinelli

    Ma ripercorriamo la storia delle sarte che hanno caratterizzato lo stile e, per alcuni aspetti, la storia del nostro paese. Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

  • 1
  • 2
  • 3